in

Scienziati di tutto il mondo allertano i cittadini: “sempre meno acqua potabile e aria pulita”

Più di 15.000 scienziati provenienti da almost 200 paesi si sono uniti per inviare un messaggio di allerta a tutta l’umanità . Lo avevano già fatto nel 1992, quando meno di 2 mila scienziati (tra cui la maggior parte dei vincitori del premio Nobel per la scienza) dissero che l’impatto ambientale stava mettendo a rischio il futuro. Ora si riunirono di nuovo per pubblicare un articolo intitolato: “Attenzione agli scienziati del mondo per l’umanità: secondo avvertimento” , pubblicato sulla rivista BioScience. Lo studio, coordinato da William Ripple, professore alla School of Forestry presso l’Università dell’Oregon, ha utilizzato dati supportati da agenzie governative, ONG e ricercatori privati.

Cosa notano? Gli scienziati sottolineano che i problemi ambientali che abbiamo avuto in passato sono peggiorati. L’accesso e la disponibilità di acqua potabile sono stati ridotti, la pesca jetty è diventata insostenibile, ci sono aree oceaniche che abbiamo già perso, così come le foreste e una buona parte della nostra biodiversità; allo stesso dash aumentano la crescita della popolazione e il cambiamento climatico.

25 anni fa, gli esperti hanno chiesto l’Umanità per ridurre la distruzione ambientale e ha avvertito che: “Un grande cambiamento è richiesto nella nostra amministrazione della Terra e la vita su di esso se si vuole per evitare la grande miseria umana” . A quel tempo, temevano che stessimo spingendo gli ecosistemi oltre le loro capacità; e non avevano torto.

Dagli anni ’90, l’acqua potabile è stata ridotta del 26%, le section morte nell’oceano sono aumentate del 75% e circa 300 milioni di ettari di aree forestali sono andate perse. Hanno anche evidenziato che è stata scatenata un’estinzione di massa , in cui molte delle forme di vita attuali sono state compromesse.

Cosa fare?

Gli esperti sottolineano il declino globale delle sostanze che influenzano negativamente lo strato di ozono, la riduzione della povertà, la diminuzione dei tassi di fertilità in alcune regioni (corrispondenti agli investimenti nell’istruzione), la diminuzione tasso di deforestazione in alcune aree e crescita delle energie rinnovabili.

Questo è un secondo avvertimento. La gestione sostenibile delle risorse e il controllo delle attività dannose per l’ambiente sono in primo piano all’ordine del giorno. Inoltre, sottolineano che dovrebbero essere prese in considerazione misure per stabilizzare la crescita della popolazione, ridurre le disparità economiche e di genere.

“Stiamo mettendo in pericolo il nostro futuro non fermando il nostro consumo materiale intensamente matriarch geograficamente e demograficamente diseguale e non percependo la rapida e continua crescita della popolazione come motore primario dietro di molte minacce ecologiche e anche sociali.Omettendo di limitare adeguatamente la crescita della popolazione, rivalutare il ruolo di un radicato nella crescita economica, ridurre i gas a effetto serra, incentivare le energie rinnovabili, proteggere l’habitat, ripristinare gli ecosistemi, l’inquinamento da marciapiede, fermare e limitare defaunazione specie aliene invasive, l’umanità non sta prendendo le misure necessarie per salvaguardare la nostra biosfera a rischio di estinzione “ , afferma l’avvertimento.

Gli scienziati dicono che oltre ad essere in grado di sollecitare i governi ad agire a livello macro, tutti noi dovremmo prestare attenzione e cambiare le nostre abitudini individuali. Ad esempio, ridurre il consumo di combustibili fossili, carne e altre risorse.
Lasceremo che arrivi un terzo avvertimento per iniziare a cambiare? Il momento è ora!

Fonti:

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *