in

Pistoia. Foglio di via per un 72enne, truffata da Banca Etruria, la cui unica colpa è aver contestato Renzi

Matteo Renzi in campagna elettorale

da un articolo di Lorenzo Vannucci per La Gazzetta di Pistoia

“Lei è da ritenersi persona pericolosa per la sicurezza pubblica”. Sono queste le parole utilizzate nell’atto di avviamento per la procedura del “foglio di via” dal territorio comunale notificate al signor Angiolino Campigli, classe 1945 e residente a Lamporecchio.

La motivazione è davvero singolare e la racconta lo stesso Campigli a ‘La Gazzetta di Pistoia‘: “Ho contestato Matteo Renzi, quando è venuto a Pistoia perché ho perso dei soldi nella questione Banca Etruria“.

Campigli, 72 anni, racconta che “Inizialmente ho perso centomila euro per questa storia. Di questi, dopo mesi, mi è stato restituito circa l’80 per cento. Ma solo perché rientravo nei giusti parametri, ad altri non hanno restituito il becco di un quattrino”. “Da quando è avvenuto il fatto – ha raccontato l’anziano – con alcuni amici, anche loro truffati, abbiamo voluto cominciare a contestare Renzi. Lo abbiamo fatto a Pistoia, a Rignano, a Laterina. Contestammo la Boschi alla festa dell’Unità dello scorso anno a Santomato. Il tutto in modo assolutamente pacifico e senza far del male a nessuno”.

Un fatto decisamente increscioso, per leggere l’articolo completo visitate il sito www.lagazzettadipistoia.it

 

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Total votes: 0

Upvotes: 0

Upvotes percentage: 0.000000%

Downvotes: 0

Downvotes percentage: 0.000000%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *